Quiche Lorraine

Uno dei piatti più noti, e apprezzati, della cucina francese è la Quiche Lorraine. Si tratta, per farla molto breve, di una torta salata ed è forse la più nota fra le Quiche francesi caratterizzate dalla tipica pasta brisèe.
Si tratta di una ricetta abbastanza semplice e veloce la cui preparazione richiede circa un’ora e che potrà arricchire il menù del tuo ristorante oppure anche della tua cucina di casa.
Ecco gli ingredienti necessari:

200 gr di farina 00
100 gr di burro
60 ml di acqua
1 cucchiaino di sale
150 gr di pancetta
100 gr di gruviera
3 di uova
200 ml di panna fresca
sale
pepe

In una ciotola, disponete la farina con al centro il burro tagliato a pezzettini e il sale. Lavorate l’impasto con la punta delle dita fino ad ottenere un composto granuloso.

Aggiungete man mano l’acqua fredda e lavorate l’impasto fino a far assorbire completamente l’acqua alla pasta.

Formate una palla con l’impasto (che dovrà risultare compatto e sodo), avvolgetelo nella pellicola e fatelo riposare in frigo per 30 minuti prima dell’utilizzo.

Battete le uova in una terrina insieme alla panna, salate (poco perchè la pancetta è già salata) e pepate.

Stendere su un piano da lavoro una sfoglia con un matterello. Foderare una teglia con la carta forno e adagiarvi sopra la sfoglia.

Fate rosolare i dadini di pancetta in padella e spargeteli sul fondo della sfoglia. Quindi cospargete il tutto con la gruviera grattugiata.

Ricoprire il tutto con il battuto d’uovo. Ripiegare la pasta tutto intorno formando un cordoncino.

Infornate la quiche Lorraine in forno già caldo e fate cuocere a 180°C per circa 30 minuti.

Lasciate raffreddare la Quiche Lorraine prima di servire.

Dominique Ferreri

Dominique Ferreri è un grande appassionato di cucina, in particolare della sua storia. Ma, certo, non disdegna l'applicazione pratica oltre alla teoria e per questo per lui assaggiare è come studiare. Appassionato in particolar modo della cucina francese, dalla lunga tradizione, Ferreri sta anche approfondendo altre tipologie di cucine scoprendo quante siano le connessioni fra la tradizione culinaria e quella culturale di una popolazione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *